Corso Sicilia, 51 - Torino

lun-gio: 9.00-19.00 – ven: 9.00-17.30

Ci dispiace, siamo chiusi.

Guided Biofilm Therapy: cos’è e come funziona.

La Guided Biofilm Therapy, GBT, è un protocollo standardizzato di prevenzione profilassi e terapia, convalidato da evidenze scientifiche che si modula in base alle necessità del singolo paziente. Il trattamento viene eseguito nel modo meno invasivo, con il massimo livello di comfort, sicurezza ed efficienza.

Indice dei contenuti

Che cos'è la GBT e perchè è una rivoluzione.

La Guided Biofilm Therapy rappresenta una vera rivoluzione in fatto di profilassi dentale, ma in che modo essa si differenzia dalle tecniche tradizionali di ablazione del tartaro e detartrasi?

Come operare una corretta igiene orale?

Chiedici un consiglio, prenota subito una visita da noi!

biofilm therapy gbt logo

GBT: ben oltre l'ablazione del tartaro.

La Guided Biofilm Therapy è un insieme di protocolli, basati su singole diagnosi e valutazioni dei rischi, del tutto personalizzati sul paziente. Questo significa che, oltre all’intervento vero e proprio, mirato alla localizzazione, al trattamento e alla rimozione del biofilm batterico con tecnologie innovative e alla prevenzione delle patologie correlate ad esso, la GBT comprende consigli per una corretta igiene orale e strategie di motivazione, che aiutano il paziente a prendere coscienza dei vantaggi legati al mantenere il più a lungo possibile i denti naturali o i propri impianti.

La detartrasi fa male, la GBT no!

Nell’immaginario comune, quando si parla di detartrasi, si pensa ad un intervento invasivo e spesso doloroso. L’impiego di strumenti meccanici, utilizzati in maniera incontrollata e non mirata su tutte le superfici, possono danneggiare i tessuti del cavo orale. Durante il protocollo GBT, l’utilizzo del colorante rilevatore di placca per evidenziare il biofilm batterico permette al professionista di lavorare in maniera selettiva, precisa ed efficace sui soli deposti presenti, evitando di stressare i tessuti oltre il necessario.

La tecnologia AIRFLOW® con la polvere di eritritolo, permette di rimuovere efficacemente il biofilm e le macchie dalle superfici in maniera atraumatica per i tessuti e indolore. Il sistema di riscaldamento dell’acqua contribuisce a rendere la seduta confortevole e indolore, riducendo notevolmente la sensibilità del paziente.

L’utilizzo selettivo e mirato dello strumento ultrasonico, con un’estremità molto sottile e  potenza controllata, garantisce minima invasività e assenza di dolore per il paziente, garantendo un risultato ottimale. Massimo livello di comfort, sicurezza e impiego di tecnologie all’avanguardia sono le basi su cui si fonda la Guided Biofilm Therapy.

Guided Biofilm Therapy Ems: le fasi del protocollo.

Gli step della GBT non si esauriscono con la rimozione del biofilm ma partono da una fase di diagnosi e valutazione, passando per la motivazione del paziente, fino ai richiami periodici. Il protocollo si suddivide in 8 step, ecco i 4 passaggi principali:

Diagnosi GBT

1. Diagnosi e valutazione.

In questa prima fase, l’igienista dentale esegue un controllo generale valutando lo stato di salute dentale e parodontale del paziente. Esegue l’esame dei tessuti, lo screening parodontale e l’ispezione dei tessuti dentali.

Localizzazione Biofilm GBT

2. Localizzazione del biofilm e motivazione.

Il termine “Guided”, che compone il nome completo della GBT, identifica proprio questa fase sottolineandone l’importanza. Ad essere guidata è la visualizzazione del biofilm, reso possibile da un apposito colorante rilevatore di placca. Il biofilm sarà così evidente. Con uno specchio il paziente potrà vedere i batteri presenti nel suo cavo orale e il professionista potrà mostrargli le corrette manovre di igiene orale domiciliare, personalizzandole.

Aiflow Max GBT

3. Strumentazione, rimozione del Biofilm, macchie e depositi di tartaro.

Questa è la fase attiva vera e propria, in cui il professionista rimuoverà placca e biofilm batterico, i depositi di tartaro e le macchie dalle superfici dentali.

Controllo GBT

4. Controllo e programmazione del richiamo.

Alla fine del trattamento, l’igienista esegue un controllo, per avere la certezza che il biofilm sia stato rimosso totalmente. Solo con superfici lisce e pulite è possibile intercettare alcune alterazioni della superficie dentale (come white spots, demineralizzazioni, erosioni, carie, ecc…). Dopo aver valutato il paziente nella sua totalità, prendendo in considerazione lo stato di salute generale, gli stili di vita e i fattori di rischio, è possibile decidere la corretta frequenza dei richiami periodici. 

Richiedi una visita di igiene orale professionale GBT.

Studio Sicor, con i suoi igienisti esperti GBT, crede molto in questo protocollo rivoluzionario ed è uno dei punti di riferimento per la Guided Biofilm Therapy a Torino.

Come operare una corretta igiene orale?

Chiedici un consiglio, prenota subito una visita da noi!

Affidati agli specialisti dell'estetica dentale per un sorriso smagliante.

Vieni a trovarci: Contattaci per una visita di controllo.

Potrebbe interessarti